Archeologia

Difficoltà: Media Lunghezza: 15,9 km Durata: 1 settimana

La storia antica nei monumenti e nelle testimonianze sparse sul territorio, un passato che racchiude le radici della realtà odierna.


I nuraghi sono edifici di età preistorica o protostorica di forma tronco-conica, costruiti con tecnica a secco utilizzando grossi massi sovrapposti. La civiltà nuragica è riuscita a caratterizzare in forma indelebile il paesaggio sardo con le sue forme costruttive particolari. Le più antiche
Leggi tutto Leggi meno

1

La domus de janas di Scala Coperta è un ipogeo preistorico scavato all’interno di una roccia trachitica, costituito da una breve anticella e da quattro ambienti disposti a croce, con quello centrale che serve da vano di disimpegno. Si notano all’interno segni di rifacimenti posteriori, che hann...

2

La Roccia dell'elefante è un grosso masso di trachite situato a lato della strada statale 134 dell’Anglona, poco fuori Castelsardo. L’origine di questa roccia è abbastanza singolare: faceva parte del complesso roccioso del Monte Casteddazzu, in seguito staccatosi e rotolato a valle a margine d...

3

Su un leggero rilievo di marna calcarea, si erge, ancora oggi per discreta altezza, il nuraghe più significativo del territorio di Castelsardo.Il nuraghe Paddaggiu, a lungo erroneamente indicato come “Su Tesoro” e recentemente anche come “L’Eni, è un nuraghe complesso; il bastione aggiunto...

4

Si tratta di un nuraghe complesso, forse un quadrilobato, con planimetria dal profilo sostanzialmente retto-curvilineo, sebbene l’unica cortina ancora conservata, quella del retro prospetto, presenti un andamento convesso.La torre principale è purtroppo interamente crollata all’interno; aveva u...

5

La Domus de Janas Sa Rocca si trova invece nel paese di Sedini ed è un insieme di tombe scavate dentro un enorme masso calcareo. È una necropoli a più piani costituita da diverse celle; utilizzata forse come prigione nel Medioevo, venne poi trasformata in abitazione. Oggi vi è allestito un picco...

6

I nuraghi di Castelsardo paiono disporsi lungo una lingua che segue il profilo della costa, si avvicinano decisamente al litorale in prossimità dei possibili approdi, sui quali esercitano un controllo diretto. Fra questi l’insenatura di Cala Ostina: uno scalo che sicuramente ebbe una certa impo...

7

Il nuraghe Monti La Rodda est è un monotorre in trachite, completamente distrutto e invaso dalla vegetazione. Si registra un diametro allo svettamento di m 9,65; l’altezza massima residua si rileva nel lato nord-est, con 2,58 su 5 filari di pietre, mentre a sud si conserva per m 1,62 su 4 filar...

8

Il nuraghe Monti La Rodda Ovest sorge sul borgo del pianoro, quasi al di sopra della bassa parete rachitica su cui si apre la domus de janas di Monti La Rodda, si conserva soprattutto il lato meridionale, in cui si registra la massima altezza delle murature a sud-ovest di m 2,43 su sei filari di pie...

9

Il nuraghe Tovaru è un monotorre in trachite, notevolmente crollato, che integrava nel paramento murario alcuni affioramenti di roccia naturale. Si individua l’ingresso e il corridoio completamente ricolmo di macerie; sul piano di svettamento si può osservare, la camera circolare sulla quale si ...

10

La fortificazione nuragica Rocca’Ia è una struttura semicircolare, che si addossa alla cima trachitica del colle, nel versante comunale, mentre a nord l’altura è naturalmente protetta dalle pareti rocciose di taglio verticale. Il diametro è di m 9,10 mentre l’altezza massima delle murature ...

11

All’interno dell’altopiano trachitico di Spiritu Santu si trova la singolare struttura nuragica Calcinaggiu. Ubicato su un piccolo sperone trachitico, fra le alture di Punta Calcinaggiu e Punta Vacchileddu, all’esterno si presenta come un normale nuraghe monotorre circolare di diametro m 9,6...

12

Si tratta di un nuraghe complesso, che sorge sul bordo meridionale dell’altopiano trachitico di Spiritu Santu, il monumento si compone di una torre principale e di un bastione frontale bilobato. La torre principale, circolare di m 12,50 di diametro, è interamente crollata e le murature esterne ...

13

A sud del nuraghe Franzesu, sull’altro versante della valle di Pedra Sciolta si conservano i resti del proto nuraghe Fugoni, un edificio notevolmente rovinato, il cui paramento murario presenta seri problemi di stabilità. Il Fugoni è un piccolo edificio di planimetria semiellittica che sfrutta...

14

E' un monotorre in trachite,purtroppo estremamente distrutto, in cui i notevoli crolli non consentono di fare alcuna considerazione sullo sviluppo planimetrico e sull’articolazione degli spazi interni.

15

Si tratta di u nuraghe complesso, seppure caratterizzato dal tipo di addizione più elementare: un’unica piccola torre aggiunta in tangenza sul lato frontale. La torre principale, circolare, misura m 12 circa di diametro e l’altezza massima residua del rudere è di m 3,60 rispetto al lato nord...

16

Nuraghe ubicato a pochi metri dalle ultime case della frazione La Ciaccia. Il nuraghe è un monotorre di pianta ellittica, notevolmente rovinato nel lato orientale in cui le strutture sono parzialmente franate a valle a causa dell’incoerenza del terreno sabbioso. Il nuraghe del diametro minore d...

17

E' un nuraghe monotorre, in trachite, di pianta circolare (diametro m 11), che si conserva per un’altezza massima di m 3 su cinque filari di pietre. L’ingresso, a sud-est, introduce in un corridoio totalmente crollato e ingombro di macerie; a m 2 dall’ingresso, sulla sinistra, si osservano t...

18

L’unico rimasto di tre nuraghi che sorgevano nella località omonima. E’ un nuraghe monotorre in trachite, di pianta ellittica, i cui diametri misurano m 13 e 11,40. Si conserva per un’altezza massima di m 2,05 su quattro filari di pietre, a sud-est, in corrispondenza dell’ingresso. Quest...

19

Si tratta di una poderosa muraglia nuragica, ad andamento retto-curvilineo, di cui residua un breve tratto di m 5,10 di lunghezza con un’altezza residua di m 3,60 su dodici filari di pietre, mentre a circa cinque metri di distanza si osservano tracce di una probabile piccola torre, di m 3,30 di di...

20

Un monotorre dalla tessitura muraria piuttosto irregolare, costituita da lastre trachitiche piatte a spigoli molto accentuati. Il nuraghe ha pianta circolare, di m 12 di diametro, e si conserva per un’altezza massima di m 3,10 su otto filari di pietre; l’ingresso, ancora ben conservato, immett...

21

Si tratta di un monotorre semplice, in pietra trachitica, purtroppo interamene crollato, la planimetria è circolare e si registra un considerevole diametro di m 12,80, con un’altezza massima residua di m 2 su tre-quattro filari di pietre. Si può ancora osservare qualche traccia dell’ingresso...

22

Un edificio di una certa imponenza purtroppo notevolmente distrutto, si conservano i resti di una torre circolare interessata da un poderoso rifascio. La torre aveva un diametro valutabile in circa m 12 e la sua altezza attuale è di m 7,30; all’interno non si osserva nessuna traccia degli ambien...

23

E' un edificio quasi del tutto crollato e completamente interrato, impossibile allo stato attuale, definire con precisione la planimetria di base del monumento, del tutto illeggibili le strutture esterne; residua parte di una camera a tholos, del diametro valutabile in m 4,80 circa, che nel lato set...

24

E' interamente crollato, sia all’interno che all’esterno; del paramento murario esterno non si apprezza alcun dettaglio, mentre della camera, sebbene ricolma di macerie, si può osservare la stesura planimetrica. E’ circolare, di m 4,50 di diametro e m 2,50 di altezza residua su sei filari d...

25

E' un nuraghe monotorre in trachite, di pianta circolare del diametro di m 12 e un’altezza residua delle murature esterne di m 2,80 su cinque filari di pietre. Il nuraghe presenta delle condizioni di rovina piuttosto singolari.L’interno è praticamente scomparso e si individua a fatica un tratto...

26

E' il monumento maggiormente distrutto di tutto il territorio comunale; resta soltanto un modesto cumulo di pietre, molto delle quali non originarie ma aggiunte nel corso delle bonifiche del fondo agricolo.

27

Distante 500 metri ad est di Campo Moro, la localizzazione è certa grazie alla presenza di pochi conci del paramento murario esterno,e anche di alcune tracce di un possibile muro di rifascio; anche qui ci troviamo dinanzi ad un cumulo di pietrame, in parte pertinente al crollo del nuraghe e in part...

28

I resti del nuraghe Lorenzoni, ridotto ad un cumulo informe di macerie, e tutte le pietre sono sicuramente pertinenti al crollo del nurage. Dalla forma e dalle dimensioni della congerie, si potrebbe arguire che il nuraghe Lorenzoni fosse in origine un semplice monotorre.

29

E' un nuraghe monotorre circolare ridotto a pochi filari di base; il diametro di metri 15 è da ritenersi eccezionale, soprattutto se paragonato alla media territoriale di m 11,36, calcolata su 12 nuraghi rilevabili. Il paramento esterno residua generalmente per un solo filare e soltanto nel lato...